PHI and the levels of masculine and feminine

PHI and the levels of masculine and feminine

By  Elisabeth Renner and Dirk Marivoet, licensed psychotherapists and trainers of ICPIT

Whether we have a male or a female body, inside, we are both feminine and masculine. For example, the thrusting and penetrative quality is overtly depicted in the penis, but it doesn’t mean the masculine quality of penetrative presence cannot be as alive in a woman. Likewise, the feminine receptive aspects can also be experienced and demonstrated by men. Sometimes a woman is very driven and works in in a predominantly male environment and can identify more with the masculine aspect side of in herself. Women can also be warriors, great soldiers, think of Joan of Arc. While men on the other hand can find themselves at home in more feminine environments that are traditionally more seen as feminine such as nursing or care giving. A man can be physically a man and may not be psychologically a man; he may have a feminine psyche. Hence things become complicated.

In Pelvic Heart Integration (PHI) we view masculine and feminine both as energy qualities and/or psychological structures/dynamics describing polar forces like yin (being receptive) and yang (being active).

Every person is unique in these qualities. When we identify someone as a "man," it means he is sixty percent male and forty percent female, or seventy percent male and thirty percent female, or ninety percent male and ten percent female. When we say "woman," it means that the female element in her is proportionally greater than the male element. Occasionally it happens that a man is fifty-one percent male and forty nine percent female - a very minor difference. Such a man will appear to be quite feminine. Similarly, if a woman is fifty-one percent female and forty-nine percent male, she will look more masculine. If such a woman were to find a feminine husband, she will naturally take a dominant role. In our culture we want to say that a woman is yin and a man is yang. But if a woman or a mother has only yin qualities she would not be effective as a mother who needs to be also a leader to her children and for example able to set clear boundaries. On the other hand, a man who is only in his active role as a leader or warrior is a man who is often times difficult to relate to. As father, husband or lover he also requires nurturing, and supporting qualities.

Biologically we came from a man and a woman, we are a product of a sperm and an egg and our gender, the physical body, is our primary identity. The first thing we learn is “I am a boy” or “I am a girl” and we understand quickly about what is appropriate for a boy and girl in any certain culture. What the masculine and feminine is has also to do with what our society has decided is an appropriate behavior or culturally acceptable attitude for a girl and a boy.

As we grow up we also internalise this idea of masculine and feminine based on our parents behaviour and belief systems. What we take to be feminine has a lot to do with the particular mother we grew up with and what we take to be our inner masculine is modelled on the father or a important male surrogate. Here is were difficulty starts because we are told that some parts of us are not ok “This is just for boys” or “this is just for girls”.

Elisabeth: "I remember a client who was suffering as a girl because she needed to work with her mother in the kitchen and her brothers could work with the father outside in the fields. She did not want to be with her mother in the kitchen, it was boring for her, she wanted to be free like her brothers, sitting with her father on the tractor and working in nature. Being feminine was connected for her with staying at home, being depressed and being angry with her father. When she turned 18 she bought a motorcycle, travelled to Africa rode her motocross cycle through the dessert and for many years worked as a rafting guide in Africa. Far away from home she met an influential woman who told her that she is a beautiful women. My client realized that she never thought about actually being a beautiful woman. It took her many years to open up to her feminine qualities, for example accepting to being supported, being able to receive and the ability to take energy in. This client did not like what she saw in her mother, she didn’t want to be like her and tried to be different. If we fight with the feminine or masculine outside, the fight is going on inside as well."

So, there is value in looking at your relationship with respect to our masculine and feminine side.

Pelvic Heart Integration (PHI) explores the limitations and distortions of the subconscious masculine and feminine forces within ourselves as individuals and as a species. Our active and receptive - so called masculine and feminine - behaviours are running on old conditioned programming stored in our personal and collective unconscious and this also defines our biological condition as human beings.

What does this mean with respect to your personal subconscious?. It means that every experience we have ever had that our nervous system and our awareness could not fully process will remain alive just below the surface of our conscious awareness, in our personal subconscious, and it will shape your body, influence our mind, feelings, actions and thoughts. For example, if your mother was deeply disappointed in her relationship or marriage because she did not feel supported by her husband it is possible that you will search for a man who seems to be supporting you at first, but then turns out to manifest the opposite: a man that is not available to you. It is possible that you will search for many reasons then to be angry with him which ultimately may leads to new disappointment. Unless your anger is fully received and you feel a real support you will not be satisfied.

Another interesting example is about a 70 year old man who grew up without his father who died in the war when he was around 1 year old. As a little boy, at the age of 5, he watched his mother secretly in the mirror while she was getting undressed. The boy saw his naked mother while being completely innocent in his sexual curiosity. As his mother realised that he was watching her she got angry and punished him. When he was 10 he moved to town to live with his aunts house to and attend school. One day he and his female cousin also 10 years old, were cuddling in bed because they liked each other. HIs aunt was embarrassed and decided to send him to boarding school. When he grew up and got to know his wife she did not allow him to make love before marriage. He  waited 3 years and then he realised that she did not like to make love at all. After he separated from his wife he met a woman who was open for sexual intimacy and love making and then he realized that he could not hold his erection as soon as it came to penetrating the woman. This is an example of how sexual dysfunctions develop when we are not mirrored or supported in our sexual development between the age of 3 to 5 years old from our parents and kinship.

There are so many life experiences that we make throughout our life by watching our parents, friends, teachers or grandparents that shape our subconscious and influence who we are and behave in the here and now.

In order to move beyond our subconscious conditioning, it is necessary to know ourselves as consciousness; fully aware of self. This means starting to see and feel that we are not our stories, our bodies, our histories, or our experiences and that, as consciousness… we exist before and beyond all these phenomena. To make this possible we need go deeper into our feelings related to stories and deeper into our pain and become conscious of our distortions. We then can claim our feelings, learn how to fully express them and integrate them to find new balance in ourselves and reconnect to what we really are beyond our stories. Many New Age Healing modalities encourage people to breathe in love and breathe out the pain. As Body Psychotherapists we suggest to do the opposite. If you feel pain claim it fully as your pain as there is no use in breathing it out. Embrace it, welcome it and embody the pain and in this way it will become less and eventually dissipate. PHI is an excellent tool in supporting this process as it works very well with the subconscious and deepens self awareness in releasing pain.

Pelvic Heart Integration as you may have understood by now, helps you to confront your defense mechanisms in a respectful and loving way and helps you to embrace your unresolved and undigested feelings in order to explore the pure essence of female and male (active and receptive) qualities within you. In PHI we are interested in a supportive and cooperative relationship between masculine and feminine, whether it is within us or in a relationship. If we stop fighting within we stop fighting without. Once we transform our pain and become conscious of our distortions the natural flow and wisdom of who we are in our feminine and masculine essence reveals itself. Then a stream of self love and self empowerment can follow thereby balancing inside and outside. We acquire a sense of wholeness and harmony in addition to peace and completeness because the masculine and feminine are working together and finally unite forces. As a whole person we are free to play, to enjoy, to interact and to work with another whole person. This is not an easy road to take because we don´t typically have a lot of role models who can show us how to do this. It just needs our willingness to dive deep in our subconscious and confront our fears. The breath cycle we use in Pelvic Heart Integration® helps us to get reconnected with the feminine (the earth) and with the masculine (the cosmos) which allows us to feel the meaning of both powerful currents in our own bodies. The breath allows us to return to the natural flow of energy and we can celebrate the connection with others in an intimate relationship between a man and a woman, man and man or woman and woman. Our natural state is an ecstatic experience that has been covered over by body amour and mental activity. Just by breathing, every cell can become orgastic, this is why we say “let´s breathe and open up for the breath of life”!

 

Integrazione Cuore-Pelvi ed i livelli del maschile e del femminile

Di Elisabeth Renner e Dirk Marivoet

Sia che abbiamo un corpo maschile o che ne abbiamo uno femminile, all'interno siamo entrambi femmine e maschi. Per esempio, la spinta e la qualità penetrante è manifestamente rappresentata nel pene, ma questo non significa che la qualità maschile della penetrazione non possa essere altrettanto viva in una donna. Allo stesso modo gli aspetti ricettivi femminili possono anche essere sperimentati ed espressi dagli uomini. A volte una donna è molto motivata e lavora in in un ambiente prevalentemente maschile e può identificarsi maggiormente con la propria parte maschile. Le donne possono essere guerriere, grandi combattenti, basti pensare a Giovanna d’Arco. Mentre gli uomini d'altra parte possono trovarsi a loro agio in ambienti che sono tradizionalmente visti come femminili come la cura od il portare assistenza. Un uomo può essere fisicamente un uomo e può non esserlo psicologicamente; egli può avere una psiche femminile. E qui le cose divengono complicate.

Nella Integrazione Cuore Pelvi (IPC) noi vediamo il maschile ed il femminile sia come qualità energetiche che come strutture/dinamiche psicologiche che descrivono forze polarizzate come lo yin (ricettivo) e lo yang (attivo).

Ogni persona è unica rispetto a queste qualità. Quando identifichiamo qualcuno come uomo, questo significa che egli è sessanta percento  maschio e quaranta per cento femmina, o settanta per cento maschio e trenta per cento femmina, o novanta per cento maschio e dieci per cento femmina. Quando diciamo “donna”j, questo significa che che l’elemento femminile in lei è proporzionalmente più grande dell’elemento maschile. Talvolta succede che un uomo sia al cinquantuno per cento maschio ed al quarantanove per cento femmina - una piccola differenza. Tale uomo apparirà piuttosto femminile. Allo stesso modo, se una donna è al cinquantun per cento femminile ed al quarantanove per cento maschile, essa apparirà più mascolina. Se una tale donna trova un marito femminile, essa prenderà naturalmente un ruolo dominante.

Nella nostra cultura noi diciamo che una donna è yin ed un uomo yang. Ma se una donna od una madre avesse solo qualità yin essa non sarebbe efficace come madre che ha bisogno anche di essere una guida per i propri bambini e per esempio essere capace di  stabilire dei precisi confini. D’altra parte un uomo che sta solo nel suo ruolo attivo di leader o guerriero è un uomo con il quale spesso si hanno difficoltà di relazione. Come padre, marito od amante egli ha anche bisogno di capacità di cura e supporto.

Biologicamente veniamo da un uomo ed una donna, siamo il prodotto di uno spermatozoo ed un uovo ed il nostro genere, il corpo fisico, è la nostra identità primaria. La prima cosa che impariamo è “sono un bambino” o “sono una bambina” e comprendiamo presto ciò che è appropriato per un bambino e per una bambina in una certa cultura. Ciò che è il maschile ed il femminile ha anche a che fare con ciò che la nostra società ha deciso essere un comportamento appropriato, ovvero una attitudine culturalmente accettabile, per una ragazza od un ragazzo.

Man mano che cresciamo noi internalizziamo anche una idea di maschile e femminile basata sul comportamento ed i sistemi di credenza dei nostri genitori. Quello che assumiamo  come femminile ha molto a che fare con la specifica madre con la quale siamo cresciuti, e ciò che assumiamo essere il nostro maschile  interiore è modellato sul padre od un importante surrogato maschile. Qui è dove iniziano le difficoltà, perché ci è stato detto che alcune parti di noi non vanno bene: “ Questo è da ragazzo” o “questo è da ragazza”.

Elisabet: Ricordo una cliente che soffriva da ragazza perché doveva lavorare con sua madre in cucina mentre i suoi fratelli potevano lavorare con il padre nei campi. Lei non voleva stare con sua madre in cucina, era noioso per lei, voleva essere libera come i suoi fratelli, che sedevano con il padre sul trattore  e lavoravano nella natura. Essere femminile era collegato per lei com lo stare in casa, essere depressa ed arrabbiata con suo padre. Quando compì 18 anni comprò una moto, viaggiò in Africa e guidò la sua moto da cross nel deserto e per molti anni lavorò come guida di rafting in Africa. Lontano da casa incontrò una donna importante che le disse che era una bella donna. La mia cliente si rese conto di non aver mai pensato di essere realmente una bella donna. Le prese molti anni aprirsi alle sue qualità femminili, per esempio accettare di essere sostenuta, essere capace di ricevere e sviluppare la capacità di prendere energia dentro di sè. A questa cliente non piaceva ciò che vedeva in sua madre , non voleva essere come lei e cercava di essere diversa. Se lottiamo con il maschile od il femminile fuori di noi, la lotta sta accadendo allo stesso modo dentro di noi.

Quindi, è un valore aggiunto guardare alle proprie relazioni tenendo conto della propria parte maschile e femminile. La Integrazione Cuore Pelvi (ICP) esplora le limitazioni e le distorsioni  delle forze inconsce maschili e femminili in noi come individui e come specie. I nostri comportamenti attivi e recettivi - cosiddetti maschili e femminili - eseguono vecchi programmi condizionati contenuti nel nostro inconscio personale e collettivo e questo definisce la nostra condizione biologica di esseri umani. Che cosa significa questo per quanto riguarda il tuo inconscio personale? Questo significa che ogni esperienza che abbiamo avuto che il nostro sistema nervoso e nella nostra consapevolezza abbiano pienamente elaborata, rimarrà viva appena sotto la superficie della nostra attenzione cosciente, nel nostro subconscio personale, e modellerà il nostro corpo, influenzerà la nostra mente, i sentimenti, le azioni ed i pensieri. Ad esempio, se tua madre è stata profondamente delusa in una sua relazione o nel matrimonio perché non si è sentita sostenuta dal marito, è possibile che cercherai un uomo che ti sembra inizialmente supportivo, ma che poi si rivelerà al contrario un uomo che non è veramente disponibile. È possibile che cercherai allora molte ragioni per adirarti con lui che alla fine potranno condurre a nuova delusione. Sinché la tua rabbia non sarà pienamente ricevuta  e tu non sentirai un autentico sostegno non sarai soddisfatta.

Un altro interessante esempio è quello di un uomo di 70 anni che crebbe senza il padre che morì in guerra quando aveva un anno. Quando era un bambino di 5 anni egli guardò la mamma nello specchio mentre si spogliava. Il bimbo vide la mamma nuda essendo completamente innocente nella sua curiosità sessuale. Come la madre si rese conto che la stava guardando si arrabbiò e lo punì. A dieci anni andò in città dagli zii per frequentare la scuola. Un giorno lui e sua cugina anch’essa di dieci anni si abbracciavano nel letto perché si piacevano. La zia imbarazzata decise di mandarlo in collegio. Quando crebbe e conobbe sua moglie essa non volle che avessero rapporti sessuali prima del matrimonio. Egli attese tre anni e quindi realizzò che a lei non piaceva per nulla fare l’amore. Dopo essersi separato dalla moglie egli incontrò una donna che era aperta ad amare e fare sesso ed allora si accorse che non poteva tenere la erezione non appena penetrava questa donna. Questo è un esempio di come si sviluppino disfunzioni sessuali quando non siamo rispecchiati o supportati nel nel nostro sviluppo sessuale da genitori e parenti nell’età tra i tre ed i cinque anni.

Ci sono così tante esperienze che facciamo nel corso della nostra esistenza guardando i nostri genitori, amici, insegnanti o nonni che modellano il nostro inconscio e influenzano ciò che siamo e come ci comportiamo qui ed ora.

Al fine di andare oltre il nostro condizionamento inconscio, è necessario cominciare a conoscere noi stessi come coscienze; pienamente consapevoli di sé. Ciò significa iniziare a vedere e sentire che non siamo le nostre storie, i nostri corpi, le nostre memorie, o le nostre esperienze e che, come coscienze ... noi esistiamo prima ed oltre tutti questi fenomeni. Per rendere questo possibile, abbiamo bisogno di entrare in profondità nei sentimenti correlati alle nostre storie e più in profondità nel nostro dolore e divenire consapevoli delle nostre distorsioni. Possiamo quindi rivendicare i nostri sentimenti, imparare come esprimerli pienamente e integrarli per trovare un nuovo equilibrio in noi stessi e riconnetterci  a ciò che realmente siamo al di là delle nostre storie. Molte modalità di guarigione New Age incoraggiano le persone ad inspirare amore ed espirare il dolore. Come psicoterapeuti corporei vorremmo suggerire di fare il contrario. Se senti dolore affermalo pienamente come il tuo dolore, in quanto non vi è alcuna utilità a respirarlo fuori. Abbraccialo, accoglilo e incarna il tuo dolore, in questo modo diminuirà ed alla fine si dissiperà. ICP è un ottimo strumento per sostenere questo processo in quanto lavora molto bene con l’inconscio e approfondisce la autocoscienza nel rilasciare il dolore.

La Integrazione Cuore Pelvi, come ormai avrai capito, ti aiuta a confrontarti con i tuoi meccanismi di difesa in un modo rispettoso ed amorevol e ti aiuta ad abbracciare i tuoi sentimenti irrisolti e non assimilati al fine di esplorare la pura essenza delle qualità femminili e maschili (attive e ricettive) dentro di te. Nella IPC siamo interessati ad una relazione di supporto e collaborazione tra maschile e femminile, sia dentro di noi che in una relazione. Quando smettiamo di combattere dentro, smettiamo di combattere fuori. Una volta che abbiamo trasformato il nostro dolore e siamo divenuti consapevoli delle nostre distorsioni, il flusso naturale e la saggezza di chi siamo nella nostra essenza femminile e maschile si rivela. Quindi un flusso di amore di sé e di auto-rafforzamento può seguire, in tal modo riequilibrando dentro e fuori. Otteniamo un senso di interezza e di armonia, oltre che pace e completezza, perché il maschile e il femminile stanno lavorando insieme finalmente unendo le forze. Come persona intera siamo liberi di giocare, di godere, di interagire e di lavorare con un'altra persona intera. Questo non è un cammino facile da percorrere, perché in genere non abbiamo molti modelli di ruolo che ci possano mostrare come fare questo. C’è solo bisogno della nostra volontà di immergersi in profondità nell’inconscio ed affrontare le nostre paure. Il ciclo di respirazione che usiamo in Integrazione Cuore Pelvi® ci aiuta ad essere riconnessi con il femminile (la terra) e con il maschile (il cosmo), che ci permette di sentire il significato di entrambe queste potenti correnti nei nostri corpi. Il respiro ci permette di tornare al flusso naturale di energia e possiamo celebrare la connessione con gli altri in una relazione intima tra un uomo e una donna, uomo e uomo o donna e donna. Il nostro stato naturale è un'esperienza estatica che è stata seppellita dalla armatura muscolare e dalla attività mentale. Semplicemente respirando, ogni cellula può diventare orgastica ed è per questo che diciamo: "Respiriamo ed apriamoci al respiro della vita"!

TOP